Si cancella un’esperienza che arricchisce la città

Articolo della Gazzetta della Martesana del 21 Gennaio 2017

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

Sostegno alla Scuola di italiano per stranieri e al Centro interculturale delle donne

15 gennaio 2017
Giornata Mondiale del migrante e del rifugiato

DA MOLTI ANNI A COLOGNO MONZESE CI SONO DUE SERVIZI CHE FUNZIONANO BENE. PER DECISIONE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE, DA AGOSTO NON CI SARANNO PIÙ. È UNA SCELTA SBAGLIATA E ORA VI SPIEGHIAMO PERCHÉ.

IL CENTRO DI LINGUA E CULTURA ITALIANA PER CITTADINI STRANIERI

1) È attivo sul territorio di Cologno dal 1992 ed è parte integrante delle attività dell’Amministrazione comunale ormai da più di vent’anni.
2) In questi anni sono passati dalla scuola più di 3500 corsisti che hanno imparato la lingua qui a Cologno.
3) Il centro offre un servizio prezioso per i cittadini stranieri regolarmente residenti sul territorio colognese.
4) Conosciamo e capiamo le difficoltà incontrate dagli operatori dei servizi (anagrafe, ASL, scuola…) di fronte a persone che non parlano la lingua italiana. La scuola offre ai cittadini stranieri gli strumenti linguistici per poter interagire con gli italiani nei diversi momenti della quotidianità.
5) È un servizio territoriale estremamente qualificato:
– i docenti hanno tutti specializzazioni postuniversitarie per insegnare italiano a stranieri e hanno una lunga esperienza nel campo della docenza;
– tra loro diversi sono anche formatori di insegnanti di italiano L2 presso altre istituzioni;
– nel 2015 l’équipe ha compiuto una missione a Londra, senza alcuno costo per l’Amministrazione comunale, presso due scuole di lingua per osservare le modalità di insegnamento ai migranti da parte dei docenti anglosassoni e le modalità di formazione dei docenti stessi;
– dal 2010 i docenti di questa scuola producono materiali didattici, pubblicati, presentati e diffusi a livello nazionale;
– ha partecipato alla sperimentazione della Guida all’autovalutazione delle scuole di lingua, realizzata dal Dipartimento delle politiche linguistiche del Consiglio d’Europa e ancora poco conosciuta in Italia.
6) Propone percorsi di educazione civica per permettere ai cittadini stranieri di conoscere le norme e le regole dello Stato italiano.
7) È anche un luogo importante di socializzazione e di prevenzione del disagio; inoltre è uno strumento di monitoraggio sociale e arginamento delle radicalizzazioni.
8) Nel 2014 ha partecipato al progetto GIO.CA.CI del Comune di Cologno Monzese, ottenendo finanziamenti del “Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di paesi terzi” per realizzare interventi gestiti dai corsisti e rivolti agli studenti delle scuole superiori di Cologno.
9) Nel 2015 è stata attivata una Convenzione con il Centro Provinciale per l’istruzione degli adulti (CPIA) di Cinisello Balsamo: da allora è possibile per i cittadini stranieri conseguire qui a Cologno Monzese l’attestato di conoscenza linguistica valido su tutto il territorio nazionale e necessario per richiedere il “Permesso di lungo soggiorno”.
10) Grazie alla Convenzione con il CPIA di Cinisello, nel 2015 sono stati attivati 3 corsi intensivi a costo zero per l’Amministrazione comunale. A luglio 2017 la Convenzione scade. Se l’Amministrazione comunale la rinnovasse almeno fino al 2018, sarebbe già possibile attivare 6 corsi a costo zero tra settembre 2017 e febbraio 2018, solo mettendo a disposizione l’attuale sede.

IL CENTRO INTERCULTURALE DELLE DONNE

1. Il Centro interculturale delle donne è attivo a Cologno da 18 anni. In questi anni sono passate dal Centro oltre 1800 cittadine colognesi, molte delle quali con bambini.
2. Costituisce uno dei pochi spazi di aggregazione per mamme con bambini, dove per molti anni sono stati organizzati laboratori ludico-didattici quali cucina, tradizioni culturali, ballo, pittura….
3. È uno spazio aperto a tutti, con proposte appositamente diversificate, che possano rispondere alle esigenze del maggior numero di donne, con interessi e caratteristiche differenti, dalle giovani mamme con bambini piccoli alle signore pensionate. Fa emergere e valorizza le piccole competenze delle partecipanti e le mette al servizio degli altri (incontri di ballo, incontri di cucina con illustrazione di piatti tipici, incontri di cucito, incontri creativi con produzione di oggetti, incontri di salute e benessere)
4. Le attività organizzate dal Centro hanno una ricaduta a livello culturale ed educativo sulla realtà del territorio. Valorizzando le competenze delle donne sono stati proposti laboratori per le scuole elementari, medie inferiori e superiori (ad es. Letture bilingui per i bambini, il progetto “Tè, caffè e dintorni…”, e anche laboratori e incontri aperti alla cittadinanza (L’arte del Fado, I libri viventi, Corso di fotografia, Progetto “Cologno Migranda”). Ha partecipato a bandi di carattere provinciale e regionale, ottenendo riconoscimenti e risorse (es. Progetto “Donne insieme: attivamente cittadine” realizzato nell’ambito dell’iniziativa regionale “Progettare la parità in Lombardia 2013”).
5. Grazie all’impegno di mediazione linguistico-culturale dell’operatrice di lingua araba, è reso possibile e più facile il rapporto tra i servizi e le utenti che non conoscono ancora la lingua italiana.
6. È un punto di riferimento per le donne italiane e straniere e per le loro famiglie, in quanto offre orientamento e informazione sui servizi, rendendo le donne più consapevoli rispetto alle possibilità presenti sul territorio. Ogni anno il Centro interculturale organizza, nel giorno di apertura del lunedì, numerosi incontri (in media 10-15 nei 7 mesi di attività annuali) con realtà del territorio e con responsabili dei diversi servizi, per permettere alle donne di “muoversi” con più indipendenza negli ambienti legati alla loro vita quotidiana (scuola dei figli, comune, servizi sanitari ecc.).
7. Allo stesso tempo è un punto di riferimento per i servizi educativi, sociali e sanitari, che possono indirizzare utenti con bisogni specifici. Alleggerisce in questo modo il lavoro dei servizi pubblici e di altre realtà che operano con donne e bambini (es. Servizi sociali ed educativi, Caritas e Associazioni)
8. Ha gradualmente creato una rete di collaborazioni proficue con altre realtà del territorio (servizi pubblici, associazioni ecc.) che permette di organizzare iniziative nuove e mirate, ottimizzando le risorse.
9. Permette di avere un osservatorio sui bisogni delle donne italiane e straniere, offrendo una lettura dei cambiamenti che avvengono a livello sociale, sia nel campo del fenomeno migratorio, sia, in generale, sui mutamenti graduali dell’universo femminile.
10. Collabora strettamente con il Centro di lingua e cultura italiana per cittadini stranieri, sia attraverso il confronto metodologico e operativo, sia attraverso la programmazione comune di tempi e spazi, in modo da offrire, globalmente, un servizio sempre più completo e rispondente alle esigenze di tutti. Ad esempio, con i corsi di italiano del mercoledì mattina, destinati a donne con bambini (con possibilità di partecipazione dei bambini a laboratori ludici tenuti da educatrici) il Centro interculturale riesce a “coprire” anche un’utenza particolare, quella delle donne con bambini piccoli, che non potrebbe altrimenti accedere ai corsi di italiano.

Gli operatori e i docenti del Centro di lingua e cultura italiana per cittadini stranieri
e del Centro interculturale delle donne

Iniziativa contro la chiusura del Centro di lingua e cultura italiana per cittadini stranieri e del Centro interculturale delle donne sostenuta da:
Cologno Solidale e Democratica

(estendiamo l’invito ad aderire alle altre associazioni, liste, partiti e movimenti presenti in città)

scarica qui il comunicato in pdf

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

🎄 Buone feste a tutti da CSD 🎄

25 dicembre 2016

🎄 Buone feste a tutti da CSD 🎄

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

CSDinforma – novembre 2016

Da oggi cominciamo a distribuire il nuovo numero del nostro bollettino informativo, con le vignette di Gatto Matto.

In questa edizione parliamo di:
– crisi e disfacimento della coalizione di centro-destra;
– riforma costituzionale;
– censura dell’Amministrazione sul libro Milano Multietnica;
– centro culturale delle donne;
– lettera aperta al Sindaco sull’accoglienza ai profughi.

Buona lettura!

CSDinforma – novembre 2016

vignetta-nuovo-assetto-giuntacontraddittorio

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

Comunicato del 16.11.2016

SE IL SINDACO LEGHISTA NON SA TENERE LA SUA MAGGIORANZA, SI DIMETTA E VADA A CASA

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

MILANO MULTIETNICA – no alla censura, sì alla presentazione del libro

La decisione dell’assessora alla Pubblica Istruzione Dania Perego e del Sindaco di annullare la presentazione del libro “Milano multietnica” in programma per novembre in biblioteca non é accettabile. A commento della notizia l’assessora dichiara di non aver letto il libro mostrando una superficialità profonda. Denunciamo la gravità di questa decisione che ancora una volta mostra la totale chiusura culturale degli attuali amministratori al limite di rasentare la fobia rispetto alla tematica della multietnicità.
Invitiamo i concittadini, che credono al dialogo sociale necessario per la convivenza tra esseri umani, a manifestare la contrarietà.

INVITIAMO PERTANTO I CONCITTADINI A PARTECIPARE NUMEROSI

ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO

MILANO MULTIETNICA – STORIA E STORIE DELLA CITTA’ GLOBALE

VENERDÌ 4 NOVEMBRE IN VIA TRENTO 41 A COLOGNO MONZESE

fb_img_1478017387315

Pubblicato in INVITI | Lascia un commento

Comunicato Stampa del 18.10.2016

Crisi senza uscita della giunta Rocchi, maggioranza in stallo

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

Gettone di presenza in favore dei terremotati del Centro Italia

Gettone di presenza in favore dei terremotati del Centro Italia

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

NON IN MIO NOME

NON IN MIO NOME

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

Comunicato Stampa del 15.07.2016

Crisi estiva della giunta Rocchi, maggioranza battuta in Consiglio Comunale

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

ROCCHI: DALLE PROMESSE ALLE TASSE

ROCCHI: DALLE PROMESSE ALLE TASSE

ROCCHI: DALLE PROMESSE ALLE TASSE

Pubblicato in INVITI | Contrassegnato , , | Lascia un commento

2 giugno – Festa della Repubblica

Le conquiste non sono mai scontate. Bisogna difenderle sempre.
cit. di Bianca Cairoli

Un pensiero di enorme gratitudine agli italiani che hanno lottato per liberare l’Italia da un regime che aveva annullato il libero pensiero. Alle donne e agli uomini che hanno votato a favore della Repubblica. Grazie anche ai padri costituenti che lavorarono per regalarci la nostra Costituzione e che purtroppo ancora oggi non è pienamente attuata.

image

Pubblicato in Comunicazioni | Lascia un commento

AVEVANO PROMESSO MENO TASSE, INVECE …

Domani, 28 maggio 2016, ci troverete in Piazza XI Febbraio per un’iniziativa comune di tutte le liste e partiti di opposizione: parleremo di bilancio comunale e aumento delle tasse comunali.
Raccoglieremo anche le firme per i Referendum.
Venite a trovarci!
Manifesto stangata2

Pubblicato in Comunicazioni | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Comitato cittadino per il NO al referendum costituzionale

Presentato ieri mattina il Comitato cittadino per il NO al referendum costituzionale.
Ieri è stato presentato ufficialmente, con una conferenza stampa, il comitato per il NO al referendum costituzionale. Il comitato cittadino colognese fa riferimento al comitato nazionale ed è inizialmente costituito da Cologno Solidale e Democratica, Sinistra Colognese, ANPI e alcune persone che partecipano a titolo personale.
Il comitato sostiene il voto contrario alla riforma costituzionale Boschi-Renzi per motivi che riguardano i contenuti della riforma stessa e non per un giudizio contro il governo o contro il Presidente del Consiglio in carica.
Il comitato si propone di chiarire i contenuti di questa riforma, evidenziandone le criticità e gli aspetti antidemocratici, e orientare il voto per il no. Il comitato è aperto al confronto e al dibattito con i cittadini e con altre rappresentanze sulla sostanza e sugli effetti della riforma. Non si vuole difendere la Costituzione da ogni modifica, ma bloccare questa riforma perché profondamente sbagliata, poiché scardina il sistema di pesi e contrappesi atti a bilanciare il potere delle Istituzioni delle Repubblica. Non si vuole difendere il bicameralismo, ma non si può nascondere che il Senato non è abolito come tanti chiedevano e che, semplicemente, si toglie il diritto di voto agli elettori rendendolo una Camera con parlamentari nominati in modo indiretto.
Il comitato per il No di Cologno Monzese è ancora in fase di costituzione, aperto a nuove adesioni di singoli o di associazioni cittadine. Nelle prossime settimane saranno proposte diverse iniziative e sarà possibile segnalare la propria adesione.

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Rocchi, la sua Giunta, le promesse mancate e i sogni chiusi “nel cassetto”

Comunicato Stampa del 20.05.2016

Rocchi, la sua Giunta, le promesse mancate e i sogni chiusi “nel cassetto”

Rocchi, la sua Giunta, le promesse mancate e i sogni chiusi “nel cassetto”

Pubblicato in Comunicazioni | Contrassegnato , | Lascia un commento