LE POLITICHE PER LA CASA RITORNANO A CASA

LE POLITICHE PER LA CASA RITORNANO A CASA

🗞 Il nostro breve commento sul notiziario periodico Qui Cologno in merito alla ben nota EMERGENZA ABITATIVA nel nostro Comune. Urgono al più presto forti e concreti provvedimenti. Sottolineiamo inoltre l’abbassamento della qualità di quello che dovrebbe essere un periodico di informazione per la cittadinanza, con alcuni articoli dal sapore propagandistico, oltre al limitato spazio concesso alle forze politiche (come potete osservare nel ritaglio).

Nella seduta del Consiglio Comunale del 5 ottobre u.s. il Sindaco ha dichiarato che il settore che si occupa delle politiche della casa verrà ricollocato ai servizi sociali in Via Petrarca. Un dietrofront clamoroso dopo che per anni Rocchi ci aveva raccontato che il bisogno della casa era di natura tecnica/immobiliare. CSD lo aveva denunciato da subito perché era una decisione sbagliato e aveva esortato, visto la fallimentare gestione di ritornare sui propri passi. La crisi abitativa a Cologno Monzese è ormai nota, con oltre 100 sfratti nel prossimo futuro eseguiti: un problema che è di profilo sociale, oltre a quello economico. Restiamo, però, estremamente preoccupati: sono ben 31 gli alloggi vuoti di proprietà comunale e 26 quelli ALER, numeri inaccettabili. Alcuni di questi sono addirittura inagibili, mentre alcune unità ci risulta siano occupati abusivamente. Per questo monitoreremo attentamente che questa decisione presa dall’Amministrazione non sia solo di facciata. Infatti, ricollocare l’Ufficio Casa all’interno dei Servizi Sociali senza aumentarne le risorse e il personale non produrrà alcun beneficio e non risolverà il problema. Che il Sociale non sia una priorità per la Giunta Rocchi è cosa nota, ma ignorare così platealmente una criticità simile denota una totale mancanza di visione e programmazione. Cogliamo infine l’occasione per ricordare che il Consiglio Comunale ha riaperto le porte: vi aspettiamo!

I commenti sono chiusi.